Microsoft ha aggiunto un nuovo criterio di gruppo in Windows 10 20H2

Microsoft ha recentemente aggiunto un nuovo criterio di gruppo in Windows 10 20H2 che consente agli utenti di disabilitare una nuova funzionalità che personalizza la barra delle applicazioni in base agli account o al sistema di cui si dispone. In Windows 10 Insider Build 20161, Microsoft ha introdotto una nuova funzionalità “barra delle applicazioni programmabile: che personalizza la barra delle applicazioni di Windows 10 quando si accede a un account per la prima volta.

Si basa su una nuova funzionalità basata su cloud che aggiungerà diversi programmi bloccati sulla barra delle applicazioni a seconda dei tipi di account di un utente o dei dispositivi collegati a un computer. Questa funzione è ora disponibile in Windows 10 20H2 che accede per la prima volta.

 Come disabilitare la funzione programmabile della barra delle applicazioni:

Per gli utenti di Windows 10 che utilizzano la barra delle applicazioni predefinita di Windows 10, Microsoft ha lanciato un nuovo criterio del team chiamato “Disattiva contenuto ottimizzato per il cloud” che consente di disabilitare la funzione Barra delle applicazioni programmabile.

Se abilitato, questo criterio creerà un valore DisableCloudoptimizedContent e lo imposterà su 1 nella chiave HKEY_LOCAL_MACHINE \ SOFTWARE \ Policies \ Microsoft \ Windows \ CloudContent Registry.

Metodo per disabilitare la funzione della barra delle applicazioni programmabile:

Metodo 1: tramite Criteri di gruppo

Windows 10 Pro viene fornito con l’editor dei criteri di gruppo, che puoi utilizzare per disabilitare la funzione Attività programmabile seguendo questi passaggi:

  • Cerca nel menu Start “gpedit.msc” e selezionalo quando viene visualizzato il risultato
  • Quando si apre l’Editor criteri di gruppo, accedere al seguente percorso: Configurazione computer \ Modelli amministrativi \ Componenti di Windows \ Contenuto cloud.
  • Nella sezione Esplora file, verrà visualizzato un criterio “Disattiva contenuto ottimizzato per il cloud” Fare doppio clic sul criterio per aprirlo.
  • Per disabilitare la ricerca Bing, impostare questo criterio su Abilitato.
  • Al termine, fare clic sul pulsante Applica e quindi su OK per salvare la politica.
  • È ora possibile chiudere l’Editor criteri di gruppo.
  • I nuovi account ora useranno la barra delle applicazioni predefinita di Windows 10.

Metodo 2: utilizzare l’Editor del Registro di sistema per disabilitare l’integrazione di Bing

Per gli utenti di Windows 10 Home, è necessario configurare questa impostazione utilizzando l’Editor del Registro di sistema seguendo questi passaggi:

  • Innanzitutto, apri l’editor del registro di Windows premendo contemporaneamente il tasto Windows + il tasto R.
  • Si aprirà la finestra di dialogo Esegui: e quindi digitare regedit e premere il pulsante OK.
  • Windows visualizzerà un rapido controllo dell’account utente che chiede se si desidera consentire all’editor del registro di apportare modifiche al sistema. Premere il pulsante Sì per continuare.
  • Accedere alla chiave HKEY_LOCAL_MACHINE \ SOFTWARE \ Policies \ Microsoft \ Windows \ CloudContent. Se la chiave non esiste, crea le cartelle necessarie finché non ti trovi nella chiave Explorer.
  • Fare clic con il pulsante destro del mouse su CloudContent e selezionare Nuovo, quindi Valore DWORD (32 bit), come mostrato di seguito.
  • Verrà premuto per inserire il nome del nuovo valore. Digita DisableCloudOptimizedContent e premi Invio sulla tastiera. Verrà creato un nuovo valore che dovrebbe essere impostato automaticamente a 0. Ora fai doppio clic su DisableCloudOptimizedContent e imposta il valore su 1, quindi premi il pulsante OK.
  • Al termine, dovresti avere il valore DisableCloudOptimizedContent creato e impostato su 1.
  • È ora possibile chiudere l’Editor del Registro di sistema.
  • I nuovi account ora useranno la barra delle applicazioni predefinita di Windows 10.